Home Per Chi Suona La Sirena Come un abbraccio di 84 bambini tutti insieme Bio
English

Picture taken in Rama, Ethiopia, among children attending a school Fotografia scattata a Rama, Etiopia, tra i bambini della scuola di prevenzione sui rischi delle mine, marzo 2002 (Rama e' nella regione Tigray, vicino ad Axum)

Nel 2002, realizzando uno dei suoi sogni di bambino, Massimo ha iniziato a lavorare per le Nazioni Unite, per l`Ufficio del Rappresentante Speciale del Segretario Generale per I bambini e conflitti armati. Dal luglio del 2004, lavora nella Divisione di Sviluppo Sostenibile del Department of Economic and Social Affairs delle Nazioni Unite.

Precedentemente, Massimo aveva lavorato per la Commissione Europea a Brussels nel contesto della Iniziativa Europea per la Democrazia e Diritti Umani, con il compito di monitorare progetti in Mongolia, Moldova, Belarussia, Ucraina e Russia fino alla Siberia .

Durante questo periodo, Massimo ha contribuito alla creazione del Programma della Commissione Europea "Dafne" per combattere la violenza contro i bambini e ha coordinato diversi progetti nell`ambito della lotta allo sfruttamento sessuale ed al traffico dei bambini; nonche` ha pubblicato due libri sui diritti dei bambini e sulla figura dell`Ombudsperson per l`infanzia in Europa. Massimo ha anche pubblicato molti articoli sui diritti umani.

Si presenta sempre come un cittadino europeo con nazionalita` italiana. Massimo ha formato le sue idee europee tra l`Universita` di Bologna, Sussex University (come uno studente Erasmus) ed il European University Institute. Massimo e` un Aspen Junior Fellow, Aspen Institute Italia ed e` il Presidente del Circolo Culturale Italiano delle Nazioni Unite.

Ama moltissimo la sua attivita' come visiting professor su tematiche relative ai diritti umani e organizzazioni internazionali presso varie universita' in Europa e negli USA.

Massimo coltiva una passione per la scrittura. I suoi sogni sono di scrivere un libro sulle diverse culture, creare una famiglia con tanti bambini, volare nello spazio per vedere la terra e soprattutto dare un contributo a creare un mondo migliore.